App di viaggio e travelling 2.0: il nuovo turismo semplice, disponibile e interattivo

Con marianna | 11:54

Viaggiare oggi non è più soltanto un’occasione per evadere dalla routine e dalla consuetudine verso un luogo remoto e sconosciuto. La diffusione di internet e dei dispositivi portatili ha completamente rivoluzionato il concetto di viaggio: oggi i viaggiatori vogliono poter accedere a tutte le informazioni disponibili per organizzare al meglio la propria vacanza,  dalla prenotazione al ritorno a casa. Negli ultimi anni , inoltre, sono sorte nuove community di viaggiatori, che si riuniscono online per condividere le proprie esperienze, scambiarsi opinioni e chiedere consigli sugli hotel e su itinerari o attività da seguire una volta arrivati a destinazione.

A testimoniare il cambio di rotta del moderno viaggiatore vi è l’enorme successo delle app travel, applicazioni per smartphone e dispositivi mobili che sempre più spesso si servono di sistemi di geolocalizzazione (GPS) per rendere quella del viaggio un’esperienza coinvolgente e a portata di mano.

Grazie all’utilizzo di questi nuovi strumenti i viaggiatori, alla ricerca di esperienze uniche e desiderosi di servizi sempre più personalizzati, sono ora in grado di provvedere attivamente alla progettazione delle proprie vacanze.

Come organizzare, quindi, un itinerario di viaggio nel vasto universo del turismo 2.0?

Per iniziare, sono consigliate app come Flight+  e Flying, che permettono di visualizzare in tempo reale tutti i voli a disposizione per destinazione.

Il millennial traveller non potrà poi rinunciare al servizio offerto da TripAdvisor, sito e app che consentono di pianificare la propria vacanza selezionando voli, alberghi, ristoranti e luoghi da visitare, tutti recensiti dagli utenti registrati, mentre gli eterni indecisi possono consultare Sphere, un’applicazione per smartphone che propone una panoramica del mondo per immagini a 360°.

Per i clienti di NH Hotel Group è inoltre disponibile online la NH Hotels Mobile App, che permette di selezionare gli hotel desiderati direttamente dalla mappa e visualizzarli in ordine di prezzo, distanza, valutazione clienti e tanto altro, prenotare il proprio soggiorno in pochi semplici passaggi e gestire le proprie prenotazioni direttamente via smartphone, senza bisogno di stampa.

Una volta acquistato il volo e selezionato l’hotel, potrebbe far comodo stilare delle check list e ordinare i propri bagagli utilizzando applicazioni come Packing Pro e Remember The Milk, dedicate alla creazione rapida di liste dettagliate personalizzate, e disporre di un servizio, come quello offerto da Evernote, per  conservare tutti i documenti e i biglietti di viaggio sui propri dispositivi mobile.

Verificate le check list, chi ha scelto come meta di viaggio Milano potrà decidere di regalarsi un “Welcome Box” da ricevere al proprio arrivo in hotel: accedendo a Pop-Up Room si può prenotare un pacchetto di benvenuto contente articoli e servizi da utilizzare durante la propria permanenza in città. Un’idea utile che può servire anche a chi, per scelta o per necessità, decide di non portarsi dietro troppe cose durante il viaggio.

E una volta arrivati a destinazione, quali applicazioni utilizzare?

Imprescindibile la mappa-navigatore Google Maps in grado di funzionare anche in modalità offline.
Molto utili l’applicazione TripIt , che permette di organizzare il proprio itinerario di viaggio e di condividerlo con altri utenti, e AudioPlayce, un’app che consente agli utenti di condividere, scaricare e acquistare audio guide in versione app geolocalizzate per il proprio itinerario. Gli amanti del buon cibo potranno invece affidarsi a Urbanspoon , che individua i ristoranti più vicini e offre recensioni fornite da critici gastronomici, food blogger e amici, o scegliere tra le tante applicazioni offerte da Gambero Rosso scaricabili dalla sezione dedicata presente sul sito http://www.gamberorosso.it/app.

Tra i social travel network, Freeppie  permette di testare le strutture, ma in modo differente rispetto al classico check-in a cui Foursquare (ora sostituito da Swarm) ci ha abituato: impone un limite temporale di 24 ore in modo da rendere più coinvolgente e immediata l’esperienza di condivisione.

E se al ritorno a casa ci si dovesse accorgere di aver  dimenticato qualcosa in albergo? Nessun problema, il servizio online Suite Discovery “Lost and Found”, in italiano “ufficio oggetti smarriti”, mette in comunicazione ospiti e albergatori per consentire ai viaggiatori di recuperare gli oggetti e i propri effetti personali dimenticati in hotel.

 

Posta un commento

Il tuo indirizzo email è mai pubblicato né condiviso. I campi richiesti sono marcati con *

*
*