Correnti di realtà fluida in mostra al nhow Milano

Con Michela Cervelli | 11:49

Napoleonico di Sonia Ros

Cos’è la realtà? Forse un corpo fatto di tutte le piccole e grandi cose, materiali e immateriali, che lo compongono e di cui facciamo parte noi esseri umani, gli oggetti che tocchiamo, i pensieri che generiamo, le relazioni che instauriamo, i sentimenti che si muovono in correnti invisibili, liquide.

È possibile attraversare i diversi livelli di realtà, grazie all’arte e al design, con la mostra “Reality Fluids”, inaugurata oggi alle 18:30 in via Tortona 35 a Milano, presso gli spazi del famoso e iconico nhow Milano, trasformato in galleria d’arte per accogliere le opere di 14 artisti e 14 designer internazionali. La mostra rimarrà negli spazi dell’hotel fino al 13 ottobre 2013 per proporre una varietà inaspettata di opere e di installazioni.

Fluidità, trasformazione, impermanenza, mai come oggi emergono sottolineate dalle circostanze e dalle modalità che definiscono l’esistenza contemporanea. Provvisorietà nel lavoro, nei sentimenti, nelle relazioni, accompagnate da una velocità di cambiamento che non lascia spesso nemmeno il tempo di riflettere sui motivi del cambiamento e sulle alterazioni che questo apporta alle nostre vite.

I Reality Fluids sono le correnti di realtà attraverso e lungo le quali ci muoviamo, sono segni di una condizione attuale definita nel suo incessante movimento e allo stesso tempo sono propaggini di una realtà profonda per mostrare più di ciò che percepiamo in superficie.

Ritratti e città di Elena Escard

Attraverso gli occhi e le mani degli artisti possiamo intravedere aspetti prima ignoti, sfocati, nuovi. La loro forse è un’interpretazione, forse è un’esatta rappresentazione di un altro livello di realtà. Se la realtà è una sinfonia di cui ognuno sente solo alcuni strumenti e ognuno di noi ha una propria chiave di ascolto che va trovata, allora ognuno può portare agli altri la propria personale visione che si unisce alle altre.

L’innovativa struttura architettonica di nhow Milano si propone ancora una volta come vero epicentro artistico e creativo milanese in grado di integrare l’arte e il design di ricerca in un percorso espositivo creato in collaborazione con hiWHIM, Galleria Jean Blanchaert e Spazio Rossana Orlandi.

Gli artisti coinvolti nella mostra sono Cracking Art Group, Elena Escard, Mariano Franzetti, Claudio Greco, Mercedes Ley, Giordano Morganti, nerosunero, ProvocActionArt, Sonia Ros, Giulia Ciliberto+Andrea Farinati+Matteo Stocco, Moritz Waldemeyer, Willow.

Tra i designer, invece, partecipano AtelierFORTE, Double-ei, Drydesign, Guglielmo Fabian, Felicerossi, Setsu & Shinobu Ito, Paolo Nicolò Rusolen per Laurameroni, Karim Rashid (Illulian, Base Srl, Martela), Rooms, Sillabe, Nicole Tomazi.

 

Posta un commento

Il tuo indirizzo email è mai pubblicato né condiviso. I campi richiesti sono marcati con *

*
*