Un pallone per illuminare il mondo

 

Quando in ufficio arrivano notizie originali, semplici e “illuminanti”, ci piace condividerle con voi. Oggi ci piacerebbe presentarvi “Soccket”, un’iniziativa che punta a produrre energia elettrica giocando con un pallone. Come dice lo slogan: playing now, we can illuminate the future (giocando ora, possiamo illuminare il futuro).

L’idea è nata quando 4 studenti di Harvard si sono inventati un nuovo concetto di pallone da calcio, che produce e accumula energia quando viene calciato. Il primo prototipo fu realizzato con un meccanismo a bobina induttiva, ma funzionò solo per qualche mese, prima di rompersi. L’idea era valida e meritava un’altra opportunità. Qualche tempo dopo, nasce il nuovo pallone Sockket che promette di risolvere tutti i problemi passati. Il meccanismo è molto semplice, un modo facile e divertente per produrre energia. I dati sono molto interessanti: giocando per 15 minuti, viene prodotta energia sufficiente per illuminare una lampadina a LED per qualche ora o per ricaricare un cellulare.

Secondo il World Energy Outlook 2009 di IEA, 1 persona su 5 vive senza aver accesso all’energia elettrica. Per sopperire a questo bisogno, quando il sole tramonta, molti usano lampade a cherosene (dannose per l’ambiente e per la salute). Come ha evidenziato la World Health Organization nel report del 2006, le lampade a cherosene sono responsabili di 500.000 morti all’anno. L’eco – pallone non cambierà queste cifre terribili, ma è un’alternativa valida e divertente per chi ha bisogno di energia.

Il progetto Soccket balls è stato presentato ufficialmente quest’anno alla CONCACAF World Cup (torneo di calcio tra USA, America Centrale e Caraibi). Mentre si disputava la competizione, molte celebrity giocavano con la Soccket ball e l’iniziativa era supportata da un’originale campagna su Facebook. Gli utenti potevano calciare il pallone, guadagnare punti per un minuto e decidere in quale paese mandare i palloni Soccket. Alla fine della competizione, sono stati scelti Messico (vincitore del CONCAF 2011), El Salvador e il Costa Rica. Da quel momento, molti giocatori, sportivi e artisti hanno contribuito alla diffusione del messaggio.

Photocredits: Soccket photo gallery

 
  • inviato da todays date | 07 febbraio 2012, 19:10,

    i love your blog, i have it in my rss reader and always like new things coming up from it.

     
  • inviato da greta beatrice sanvito | 09 febbraio 2012, 9:41,

    We are very glad to hear such beautiful news 🙂

     

Posta un commento

Il tuo indirizzo email è mai pubblicato né condiviso. I campi richiesti sono marcati con *

*
*